Wordsmith

Reader

Read the latest posts from Wordsmith.

from The Fox and the Bear

Is #WordPress a monopoly, more to come...

BTW I met Matt Mullenweg and was not impressed.

To be covered:

  • percentage of sites using WordPress

  • how WordCamps are for WP-drones

  • how Automattic is acting like a typical tech sovereign just now buying Tumblr, like past purchases of Longreads, WooCommerce etc.

  • how the #fediverse and apps like #WriteFreely can be the alternative we were looking for

much more...

 
Read more...

from The Fox and the Bear

With the news of the Bolsonaro fires in Brazil, the utter corruption and murders in Russia, and the situation in China and Hong Kong, and just about everything Trump does: the following clip of George Monbiot discussing the actual state of the world becomes vividly clear:

Monbiot speaks of our world now being run by psychopaths and I think this is definitely clear for all to see. This is precisely the wrong time to have let up on democracy and enlightenment principles when the earth is burning due to the #climatecrisis as discussed throughout this blog.

Wishing for a Worldwide Democracy Movement

I repeat here, while its been true I have been somewhat critical of aspects of the #environmentmovement it is only because I fear Leftist extremism almost as much as I do Rightist extremism. I do understand that all life is now on the endangered list, precisely as Trump seeks to get rid of such lists in the USA. And I commend #extinctionrebellion and #gretathunberg immensely for their awareness efforts and even their civil disobedience. But they are not meant to be our democratic governments. At least in the West we mostly still have, however corrupt, democratically elected governments. Call me a dupe or a shill, as some have in the New York Times, or on various FB groups, but I am not an anarchist or a Marxist. Yes our governments are mostly now cesspools of corruption, but I think it is still possible to elect new leaders that could turn things around like Bernie Sanders with his wonderful Green New Deal—although perhaps vanishingly so. This is where my ideas fall off a cliff and I can see that no, these types of leaders are not now prevalent in the world and people like #BernieSanders and #ElizabethWarren are indeed a last chance left scenario. But I am banking my #hope on succeeding this time and thus siding with the Hong Kong protesters. As much as I loathe Trump and believe he is modern fascism incarnate, at the very very least he seems to now be at least acknowledging the legitimacy of the #HongKong protesters:

The #HongKong protesters are more the model of what the #environmentalmovement should be I think, as they are pretty well ingrained in democratic principles and are really fighting the power. I can see a new, still yet somewhat behind the curtains, leadership that must be elected or somehow get into positions of power to begin on this coordinated Planetary Management discussed previously. That is, at the risk of being too repetitive in The Fox and the Bear, we need radical environmental #revolution to stem the #climatecrisis surely, but it would be somewhat worthless if we move from our current neoliberal fascist governments to a kind of eco-fascism on the opposite spectrum. We need more democracy, not less, and this includes somehow getting the enlightened governments of the world, along with newly enlightened and increasingly green business on board as well. For those wishing me to call for all out revolt, I must surely sound disappointing, but we live in a complex civilization, where for example our nuclear arsenals and power sources must be maintained and hopefully decommissioned over long periods and I do not trust anarchists to do this, just as I DO NOT trust today's warmongers and profiteers. David Koch is dead. That's all I'll say on that.

Overthrow

I think we are in a last ditch effort under conventional politics, as I stress these are a decisive four months for the planet. If things are not turned around significantly by then I am reserving the right to change course and endorse more radical moves. We shall definitely get a gist of what's to come in 2019 for the future of our grandchildren, our children, and us.

 
Read more...

from The Fox and the Bear

Stay tuned for some commentary on the #BernieSanders #climatecrisis plan after I get a chance to read through it. From what I have read so far there seems to be some #hope after all!

 
Read more...

from verity

The unnamed protagonist is out to search for his cat. But the lengths he must go and the secrets he will uncover are quite, quite unusual.

There is a gentle comedy in the narrator’s singleminded focus on his cat. Lovecraftian sensibilities feature significantly – all dark clouds and unspeakable monsters in the heart of the earth – but are tempered by good humour. “Horror” doesn’t quite cover it, but neither does “comedy”.

Each episode also features lengthy musical interludes – your mileage may vary, but I sometimes fast-forward through them as I find it disrupts the flow.

The first and fourth season feature separate, but contiguous storylines; the ones in between can probably be listened to separately, but feel more like unconnected vignettes of the strange world this cat-owner lives in. There are not as many cats as one might imagine.

My masterlist: https://docs.google.com/spreadsheets/d/e/2PACX-1vSNNpcKEuKDwRJv1yF2SgE81-17wp1soEszHz3oZ2p_4YIjStTkDtA0yHUwbVnnxB222I7KZsRUIDPr/pubhtml?gid=1846929478&single=true

#reviews #podcasts #shortepisodes

 
Read more...

from murder-in-the-alps-hack-cheats-1

Murder in the Alps Hack Cheats Unlimited Energy Murder in the Alps is another popular fully interactive crime novel game. This game allows you to travel back to 1930s to solve murder and espionage crimes takes place in the Alps. When you start investigating hidden secrets, you have to search for many clues carefully before you are successful. Once you star to play the game, you will find that it is not always the easiest thing to solve problems and find hidden objects in this game. So we recommend you read the following Murder in the Alps Cheats and Tips firstly.

Go To – >>>> https://store.gamesdynamo.com/murder-in-the-alps-hack-mod-get-energy-unlimited/

As the competition progresses, you will visit many unique places and people. To make sure you remember every details of the mysterious characters, you should replay as many scenes as possible. When you play this scene over and over again, you will be more likely to remember hidden objects. Another peculiarity of Murder in the Alps is that you have to pay close attention to the order of rewards items when you tap them. Not like other mobile games’ reward system, this will reward you with the integral multiplier in some items. It means that you have to first click on a fractional multiplier item, then move to an item with a higher fractional multiplier, and so on, until you reach the item with the highest fractional multiplier.

Go To – >>>> https://store.gamesdynamo.com/murder-in-the-alps-hack-mod-get-energy-unlimited/

As time goes on, you will find you do not have enough energy to proceed the game progress. So you need to pay close attention to the energy menu and complete the puzzle as far as you can. Once you complete the task, you will get some energy as a reward. More energy means more chances for success in solving the crime cases. So you should get energy as much as you can and as soon as possible. The fast and easy way to get lots of energy is to us below Murder in the Alps Hack Mod Tool. Once you try this tool, you will be surprised by what it can do.

Go To – >>>> https://store.gamesdynamo.com/murder-in-the-alps-hack-mod-get-energy-unlimited/

 
Read more...

from Adriano Maini

Arrivederci, Roma!

La neve sui Colli Albani a marzo 1971 per la gioia di tanti ragazzi romani che non l’avevano mai vista. Non ricordo, né altri conoscenti, da me interpellati, rammentano, se quella volta era scesa anche più giù, sulla Città Eterna.

E’ indescrivibile sottolineare cosa si provi in visita alla Fosse Ardeatine, se non anche un giovanile confuso senso di trovarsi al cospetto delle ombre di Giusti della Storia! A Roma si fanno tanti incontri. Vorrei ricordare un bel volto nobile e serio ergersi sotto la pioggia tra la folla. Vittorio Gassman in Piazza del Popolo alla manifestazione antifascista dei 300.000 a novembre, sempre del 1971.

Quasi una gag. Il collega, che senza chiedermi nulla mentre ne ero un po’ consapevole, interpella in quella notte di inizio primavera un passante circa Fontana di Trevi, salvo accorgersi (su questo, invece, io ero out!) un attimo dopo che era un noto attore. Indicazioni vaghe come risposta. Che era dietro l’angolo, praticamente!

Camminate, tante camminate. Non solo alle manifestazioni. D’altronde, per fare i turisti per caso non si può agire diversamente. Altri colleghi, in queste peregrinazioni molto post-lucane, a dirmi che conoscevo bene storia e monumenti. Di lì, forse, personali intensi ripasso e studio di tante cronache passate e di tante guide recenti. Ma, più si sa, più ci si accorge di sapere poco!

A Trastevere case che negli interni ricordano quelle quasi turrite dei borghi liguri. E locali pubblici dove gli avventori discutendo bonariamente, ma in modo colorito, forse forniscono tanti spunti ad artisti che vanno per la maggiore.

Se a Roma piove, le cose vengono fatte per bene. Memorie di fortunate fughe in taxi sotto l’infuriare degli elementi.

 
Continua...

from verity

I bet in the next Line of Duty there'll be the typically noir storyline of Steve + chronic back pain and someone (probably Kate) asking why he didn't go for physio and he'll say because there was a 10 week wait in his borough + appointment times don't fit shift work times

 
Read more...

from Storia minuta

Alcune vicende partigiane di fine gennaio 1945 nella I^ Zona Operativa Liguria

Il giorno 23 [gennaio 1945] nella parte occidentale della “I^ Zona Operativa Liguria” avveniva l’uccisione di alcuni partigiani appartenenti al Distaccamento “Folgore” del Battaglione “Secondo”. Infatti la sera del 23 circa cento SS con due mortai circondavano casa Ghersi a Taggia (IM). I quattro garibaldini che si trovavano nell’abitazione vennero immediatamente immobilizzati e torturati. Venne bruciato il fienile di Raffaele Polito. Dopo di che, seguendo una lista fornita da qualcuno, continuarono gli arresti. Sulla strada si trovarono i cadaveri di tre garibaldini (Pistone, Gazzolo e Cichero). Dei partigiani che si trovavano all’interno del casone il solo Luigi Ghersi, pur ferito, riuscì a fuggire, mentre gli altri vennero uccisi.

Nella vicina Sanremo (IM), la notte successiva, vennero fucilati cinque partigiani presso Villa Junia. Quattro di essi portavano il cognome Laura: Gio Batta “Paolo”, Luigi “Gino”, Mario e Silvio Antonio”.

Il giorno 24 venne fucilato anche Renato Giusti (Baffino), che era stato catturato durante il rastrellamento di Terzorio avvenuto tre giorni prima. “Baffino” lavorava nell’organizzazione “Todt” di Porto Maurizio, da cui riuscì a far fuggire diversi patrioti che si diressero in montagna; già scoperto ed incarcerato una volta, ma in seguito liberato dai garibaldini, era stato incorporato nelle formazioni della II^ Divisione.

Dopo tre giorni di relativa calma riprese il veemente rastrellamento ai danni della VI^ Divisione. Il 25 gennaio 1945, all’alba, tre colonne tedesche “provenienti da Borghetto d’Arroscia, Casanova Lerrone e Pieve di Teco giungono a Ubaghetta. La nostra pattuglia avvista il nemico ed apre il fuoco, ma il garibaldino Redaval (Cardoletti Germano) continua impavido a sparare finchè viene colpito da una raffica di mitra e catturato” [L. Massabò “Pantera”, Cronistoria militare della VI^ Divisione “Silvio Bonfante” < diario inedito nel 1999, conservato presso l’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia >]. Redaval verrà fucilato da un plotone d’esecuzione formato dai “Cacciatori degli Appennini”. Dopo tale attacco i nemici si ritirarono sulle posizioni iniziali ed i Distaccamenti “Maccanó” e “De Marchi” poterono sganciarsi. Il 25 gennaio 1945 rappresenta un’altra tragica pagina nella storia della IV^ Brigata “Guarrini”, poiché il X Distaccamento “W. Berio” venne quasi completamente sgominato. Gli undici uomini del X Distaccamento “con a capo Dimitri e Merlo, uno dei più vecchi garibaldini, commissario, si era portato in una località tra Pantasina e Villa Talla, in un fondo valle, presso un ruscello. Il rifugio sembrava sicuro: un muro a secco era stato eretto all’entrata della tana, dove la vita era orribile per il fango e l’umidita”. Una spia (probabilmente la staffetta Toni guidò da Porto i briganti neri al rifugio. Tolgono le pietre e già sorride loro I’idea di un facile eccidio. Peró due colpi secchi di revolver annunciano che il luogo è ormai una tomba sacra… Merlo si è infatti sparato al cuore e Dimitri alle tempie; per non sottostare all’onta della prigionia… le camicie nere infieriscono sui due cadaveri” [da “L’epopea dell’esercito scalzo” (a cura di Mario Mascia) – ed. A.L.I.S.] Gli altri nove garibaldini vennero arrestati e di questi solo due si salvarono dalla fucilazione.

Il giorno successivo riprese il grande rastrellamento ai danni delle formazioni della VI^ Divisione, iniziato sei giorni prima. Verso la sera del 26, infatti, il Distaccamento “Catter” con una marcia di quasi cento chilometri si portò dalla Val Pennavaira alle pendici del monte Torre. Giunti nei pressi della Cappella Soprana di Stellanello (SV), quattro garibaldini si accantonarono in un da cui avvistarono una colonna di “Monte Rosa”. “Il commissario Gapon (Renzo Scotto), il capo squadra Bruno (Bruno Amoretti), i garibaldini Marat e Franco (Dante Del Polito) combatterono eroicamente, uccidendo il tenente comandante del pattuglione, un sottoufficiale e quattro soldati. Il nemico rimane disorientato e facilita lo sganciamento dei garibaldini” [L. Massabò “Pantera”, op. cit.]. Tra cui “Marat” (Arbotti, od Ortelli, Renzo, che era nato nel 1920 a Reggio Emilia), che dopo pochi metri morirà per le ferite riportate nello scontro.

Anche il giorno 27 fu segnato da vasti rastrellamenti nemici, in particolare da formazioni della “Muti” e della “Monte Rosa”, che batterono la zona di Ginestro [Frazione di Testico in provincia di Savona]. Alle 7 del mattino “la pattuglia a fondo valle comunica che il nemico si avvicina alla nostra zona… le squadre vengono disposte in ordine di combattimento. Il garibaldino Brescia (Longhi Mario) allo scoperto, con il suo inseparabile M.G., apriva il fuoco contro il nemico avanzante. Una raffica avversaria gli asportava l’arma dalle mani… veniva colpito mortalmente alla testa” [L. Massabò “Pantera”, op. cit.]. Durante lo stesso combattimento periva, altresì, il garibaldino “Romano” (Paloni Silvio). Le due squadre del Distaccamento “Garbagnati” riuscirono ad aprirsi la strada per la fuga perdendo un ta-pum ed una macchina da scrivere.

Il 28 gennaio le truppe addette ai rastrellamenti abbandonarono le valli presidiate nei giorni precedenti (Pennavaira, Arroscia e Lerrone) ad eccezione della valle di Andora che sarà abbandonata il giorno successivo. Unico grande presidio della zona rimarrà quello di Borgo di Ranzo che ospiterà circa centoventi soldati delle “Brigate Nere”.

Cessato il pericolo costituito dai rastrellamenti dei giorni precedenti, il Comando divisionale della “Bonfante” dispose lo spostamento nella valle d’Arroscia (parte nord) del Comando della III^ Brigata e della sua Intendenza, mentre il Distaccamento Maccanò si spostava nella zona di Aurigo ed il Distaccamento De Marchi nella Val Pennavaira.

Resasi momentaneamente meno pericolosa la lotta per gli uomini della “Bonfante”, il 31 gennaio rappresentò, di contro, l’ennesima pagina nera per la IV^ Brigata della “Cascione”. Come ricorda Gino Gerini (Gino), il 30 gennaio “giungemmo, al crepuscolo, in regione Ni-Cuni, tra Tavole e Val Prino. Scoprimmo un casone isolato fra i castagni e decidemmo di passarvi la notte“. I garibaldini avevano in progetto la cattura di tre pericolose spie di Vasia. Così Gino “dispose che “Deri, Livio e Cristo prelevassero le spie. Nello stesso tempo io, Lupo e Battista, l’amministratore della Brigata, partimmo per Tavole per ritirare importanti documenti e rientrammo in base verso mezzanotte, accompagnati da Timoscenko che aveva effettuato una visita a casa“. Il mattino del 31 gennaio due colonne tedesche circondarono il casone in cui si trovavano i garibaldini. A “Gino” non rimase altro che ordinare la fuga. Tuttavia “due giorni dopo all’uscita del paese di Villa Talla, mentre attraversavamo il ponte, scorgemmo in distanza una folla. Ci avvicinammo: sette bare sfilavano innanzi a noi“. Tra i deceduti vi erano “Battista” (Manfredo Raviola), “Timoscenko” (Tommaso Ricci), “Cristo” (Bartolomeo Dulbecco), che morirono nel vallone di Villa Talla ed altri tre, “Matteo” (Matteo Zanoni), “Insalata” e “Leone”, che furono prima torturati e poi fucilati.

“Lupo” e “Veloce” il 4 febbraio 1945 segnalarono la grave situazione in cui si trovava la IV^ Brigata, precisando che il I° Battaglione constava di 65 uomini, il II° di 70 ed il IlI° di 90.

L’ultimo giorno di gennaio al tragico episodio di Villatalla si aggiunse un altro dramma. Per vendicare la scomparsa di due soldati tedeschi avvenuta l’8 gennaio “lungo il tratto di strada Castelvecchio-Pontedassio… non essendo ritornati ed avendo avuto comunicazione che i due soldati furono bestialmente uccisi, sono apparsi davanti al tribunale militare germanico” 20 partigiani catturati in Val Prino o prelevati nelle carceri d’Oneglia, di cui 11, arrestati il 9 gennaio (Stenca, De Marchi, Manodi, Ansaldo, Garelli, Bosco, Bertelli, Cipolla, Ardigò, Noschese e Delle Piane), che verranno fucilati lungo la salita di Capo Berta. Le SAP (Squadre d’Azione Patriottica) di lmperia avevano già dieci giorni prima richiesto alle formazioni di montagna la cattura di alcuni gerarchi fascisti ed ufficiali tedeschi per poterli scambiare con alcuni degli uomini che saranno uccisi il giorno 31. Gli altri 9 patrioti processati dal tribunale tedesco (Varalla, Favale, Garletti, Guarreschi, De Lauro, Deri, Brancaleone, Giordano e Cavallero) saranno fucilati il 9 febbraio dietro il cimitero di Oneglia.

Responsabile di questo eccidio e di altri che si verificheranno dal gennaio 1945 alla fine della guerra fu una donna la cui identità rimase a lungo celata tanto che fu conosciuta con lo pseudonimo di “donna velata”. Per l’importanza che questa spia ricoprì nelle vicende della “I^ Zona Operativa Liguria” risulta necessario tracciare un sunto…

tratto, p.g.c. dell’autore, Rocco Fava di Sanremo (IM), da “La Resistenza nell’Imperiese. Un saggio di regestazione della documentazione inedita dell’Istituto Storico della Resistenza e della Storia Contemporanea di Imperia (1 gennaio – 30 Aprile 1945)” – Tomo I – Tesi di Laurea, Università degli Studi di Trieste, Facoltà di Scienze della Formazione, Corso di Laurea in Pedagogia – Anno Accademico 1998 – 1999

 
Continua...

from Adriano Maini

Miano!

Mio padre, mio zio, mio nonno di sicuro erano nati a Miano di Medesano in provincia di Parma, borgo più vicino a Fornovo Taro che al capoluogo. E chissà quanti altri avoli, prozii e lontani cugini! Da qualche tempo con mio cugino abbiamo ripreso a scambiarci foto e ricordi di famiglia, ma riusciamo a ricomporre vicende soprattutto per la parentela legata alla nonna, radicata anch’essa a quei luoghi.

Altre volte ho evocato su questi temi certe atmosfere e certi aspetti mutuati dal film “Novecento” di Bernardo Bertolucci. In proposito, mi sono dimenticato di citare a mio cugino la scena in cui un bambino va a “pescare” le rane, una scena incantevole nel racconto di mio padre, analogo protagonista poco prima – data la sua età – della sua emigrazione.

Già, l’emigrazione. Emigrazione dovuta – di successione in successione – allo spezzettamento dei poderi; emigrazione che ha disperso di più i Maini; emigrazione che ha visto tutti rendersi onore nella vita; emigrazione che ha comportato per la mia famiglia un maggiore coinvolgimento dei cugini della nonna, come é stato per l’approdo definitivo – dopo una brevissima stagione francese a Le Cannet – a Ventimiglia (IM) nel 1932.

Solo nel dopoguerra le nostre terre di origine conobbero il benessere diffuso.

C’era anche lo zio Bruno, disperso nella seconda guerra mondale a dicembre 1942 nella Sacca del Don. Morto in Russia come il cugino Sergio, della famiglia che aiutò i Maini a stabilirsi definitivamente in Riviera. E lo zio Bruno era figlio del primo matrimonio di nostro nonno, che – lui, appena scampato agli orrori del conflitto e destinato ad una lunga vita! – al termine, appunto, della Grande Guerra si era visto portare via dalla spagnola la moglie ed una figlioletta: quando si dice il destino!

Queste note mi portano con la mente lontano, a curiosi aneddoti, pertinenti la vita in Miano dei nostri genitori e rinfrescati di recente con mio cugino...

 
Continua...

from Adriano Maini

Polvere di stelle

Il 13 settembre 2010 si svolsero a Bordighera (IM) i funerali del partigiano Renzo Biancheri (Rensu u Longu), che aveva fatto parte durante la Resistenza dei “Partigiani del Mare” o “Gruppo Sbarchi Vallecrosia”. Giuseppe “Mac” Fiorucci aveva nell’occasione mandato ad una mailing-list locale una testimonianza della persona defunta, raccolta per una pubblicazione che all’epoca non conoscevo ancora, benché fossi stato in precedenza messo al corrente della sua preparazione.

Come feci allora con l’approvazione dell’estensore della raccolta, riporto qui di seguito (ma adesso in forma parziale) il testo richiamato. La mia storia nella Resistenza è legata a filo doppio con Renzo Rossi. Nell’agosto del 1944 mi aggregai al gruppo partigiano di Girò [Pietro Gerolamo Marcenaro, “Gireu”], che operava nella zona di Negi [Frazione di Perinaldo (IM)], dove godevamo anche dell’appoggio di Umberto Sequi a Vallebona e di Giuseppe Bisso a Seborga; tutti e due membri del CLN di Bordighera. Negi era il punto di contatto tra le varie formazioni partigiane che operavano nella zona: Cekoff [Mario Alborno di Bordighera (IM)], Gino Napolitano ecc.

Facevo da staffetta tra Negi e Vallebona.

In settembre insieme a Renzo Rossi partecipai all’incontro con Vittò [Giuseppe Vittorio Guglielmo, in quel momento comandante della V^ Brigata , da dicembre 1944 comandante della II^ Divisione Garibaldi “Felice Cascione”]. Ci accompagnò Confino, maresciallo dei Carabinieri che aveva aderito alla Resistenza. Vittò investì formalmente Renzo Rossi del compito di organizzare, per la nostra zona, il SIM (Servizio Informazioni Militare) e i SAP (Squadre d’Assalto Partigiane), e io fui nominato suo agente e collaboratore.

In novembre mi aggregai al battaglione di Gino Napolitano a Vignai, ma dopo alcune operazioni di collegamento tra Vallebona e il comando di Vignai, il comando mi richiamò ad operare nel Gruppo Sbarchi.

Nell’estate, i servizi segreti americani avevano inviato sulla costa una rete di informatori, capeggiati da Gino Punzi. Dovendosi recare in Francia, per passare le linee, Gino si avvalse della collaborazione di un passeur, che però era passato dalla parte dei tedeschi e durante il viaggio lo uccise. Il comandante tedesco si infuriò perché avrebbe voluto catturare vivo il Gino. Sul suo cadavere furono rinvenuti dei documenti, dai quali i tedeschi vennero a conoscenza che sarebbero stati inviati altri agenti e telegrafisti alleati.

I tedeschi predisposero una trappola e quando arrivò il telegrafista “Eros” lo catturarono ferendolo. Si avvalsero di lui per trasmettere falsi messaggi al comando alleato di Nizza.

Con questi falsi messaggi fu richiesto l’invio di un’altra missione: la missione “Leo”…

Oggi posso, dunque, sottolineare al meglio che si tratta del racconto di Renzo Biancheri (Rensu u Longu), raccolto da Giuseppe “Mac” Fiorucci per il suo “Gruppo Sbarchi Vallecrosia” < ed. Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia, Comune di Vallecrosia (IM), Provincia di Imperia, Associazione Culturale “Il Ponte” di Vallecrosia (IM) >.

Alla mia richiesta di autorizzazione a pubblicare sul mio blog l’emozionante scritto di cui sopra, Fiorucci rispose mandandomi un altro “articolo”.

Questo, di Renato Dorgia, “Plancia”, sempre per “Gruppo Sbarchi Vallecrosia”: La base alleata in Francia era a Saint Jean Cap Ferrat, nella baia di Villafranca, nella Villa Le Petit Rocher [ma la Villa risulta in effetti nel comune di Beaulieu-sur-Mer]. Da Vallecrosia si partiva, naturalmente di notte, e si raggiungeva il porto di Montecarlo, facilmente individuabile perché l’unico illuminato. All’ingresso del porto, una vedetta intimava l’alt e accompagnava il natante all’approdo sotto stretta sorveglianza. Qui l’equipaggio forniva alle sentinelle alleate del porto di Monaco solo un numero di telefono o di codice e il nome dell’ufficiale dell’Intelligence Service. In meno di un’ora erano presi in consegna dai servizi segreti alleati.

Anche io fui condotto a Montecarlo, con Renzo Rossi, Girò e Renzo Biancheri, già allora sordo come una campana. Per me era la prima volta, mentre per gli altri si trattava dell’ennesima traversata.

Fummo accolti dal capitano Lamb, che ci condusse a Le Petit Rocher. Ci diede qualche istruzione, tra le quali ricordo che, alla mia richiesta di una qualche sorta di documento, ci disse che a eventuali controlli dovevamo solo rispondere che eravamo maltesi e di riferire il suo nome, Cap. Lamb con il numero di riconoscimento.

Mettendo mano al portafoglio, Lamb cominciò a distribuire una banconota da 500 franchi. La sua intenzione era di consegnarne una per ognuno di noi, ma Renzo Rossi, intascata la prima banconota ringraziò dicendo che 500 franchi bastavano per tutti.

Il capitano, sorpreso, ci fissò negli occhi uno per uno e domandò:

“Ma voi siete proprio Italiani?”.

Scoppiò poi a ridere, ma, per un attimo, vidi nel suo sguardo il sospetto che fossimo sabotatori. Renzo Biancheri chiese di poter usare il telefono, compose il numero e ottenuta la comunicazione tra lo stupore generale iniziò a cantare Polvere di Stelle [Stardust].

Renzo era sordo e come tutti i duri d’orecchio cantava bene.

Sussurrava la melodia d’amore di “Polvere di Stelle”, alle orecchie di una interlocutrice, evidentemente conosciuta in qualche precedente missione e con la quale di certo non scambiava lunghe conversazioni:

Sometimes I wonder why I spend The lonely night dreaming of a song

In seguito, forse memore del fatto che nei nostri pregressi incontri gli parlavo dell’opportunità di pubblicare sul Web i suoi materiali di ricerca, Fiorucci mi inviò, a mia piena disposizione, documenti e scritti, sia pubblicati (ma, ripeto, allora, per mia disattenzione, non lo sapevo ancora) su “Gruppo Sbarchi Vallecrosia”, sia, per come mi risulta, inediti.

Per il momento aggiungo solo che in quel settembre 2010 una nipote di Renzo Biancheri mi ringraziò via email per il mio pensiero, che la citazione della morte di [il capitano] Gino Punzi ha suscitato in seguito molta interessante corrispondenza, che, purtroppo, il 19 marzo 2012 Fiorucci ci ha lasciati.

Vedrò in seguito di tornare e di approfondire alcuni di questi temi.

 
Continua...

from a-small-medic

being a live model on a regional anaesthesia course

Was part of a point of care ultrasound (POCUS) course today, for the second time! While the first was for emergency medicine doctors learning POCUS in the context of trauma and looking at the heart, this was for anaesthetists hoping to take a post-graduate qualification in regional anaesthesia.

Regional anaesthesia refers to targeted injections of local anaesthetic into/around specific nerves. This can be used in surgeries, with or without general anesthetic (“being put to sleep”), to provide pain relief immediately or afterward. Ultrasound is used to find the nerves so people aren't just blindly stabbing around!

I was the live model for simulated vivas, where candidates got an anatomy question, demonstrate how they would do a specific nerve block, anaesthetic complications and demonstrate anaesthetic reasoning through a clinical case. All I really needed to do was to sit there while candidates scanned my neck or armpit or knee and talked about the anatomy they saw.

Listening in on the vivas and the feedback was oddly encouraging though: a surprising portion of the stuff, I already had, even in part, in my distant or not-so-distant memory! Compartment syndrome? Got it, got the buzzwords to go with it. Epidural haematoma? I actually know what that is! (Thank you anaesthetic tutor!) During today's session, anatomy actually mattered! Minutiae that I forgot immediately after second year were now being interrogated. Sometimes they even had clinical implications.

One of the things I picked up was exam techniques. If you're not sure, go broad, not necessarily deep: demonstrate your knowledge. Know the buzzwords? Use them. Prepare a few handy explanatory phrases to save time. Recognise when certain strategies can be used for multiple procedures.

As promised by the organisers, I got to play with the ultrasound machines, though with limited success... We looked for veins (especially the internal jugular vein). We looked for nerves in the arms, and the cervical plexus. I could not find them. I would use an artery as my landmark, move the probe a little, and immediately lose everything. It was like using Microsoft Word when there's too much invisible formatting: change one margin and the text disappears entirely!

Met Twitter medics as well, which was fun! It can be refreshing to meet people who are very certain of what they want to do, because while I know what corner of medicine I want to be part of, and I know what aspects I want to work with, I don't know what that job looks like. I quite enjoy learning about the technical complexities of anaesthetics and the problem-solving aspect, but don't fancy being in theatre all that much. I like the idea of emergency medicine, but haven't seen enough of it to be absolutely certain. I see the appeal of HEMS, wilderness/expedition medicine, military medicine... but I'm not the typical outdoorsy type.

So, you know what? I'll work on gaining lots of experience and being as good as I can be, rather than chasing a dream I've seen in someone else.

#notetoself #POCUS #reflections

 
Read more...

from coffee - special

Curto Cafe in Rio

Ever been to a cafe where the beans are only from a specific farm? i hope so. Though this farm singularity isn't the memorable encounter with Curto cafe – it seems valuable to get out of the way 1st.

Ever been to a cafe where payment was an optional choice rather than a requirement without any other option? i hope so. However, since my visits to curto cafe – i have not been to a coffee place with such options.

Indeed, during my 1st visit, I took a picture of the wall where, costs were chalked. The text on the wall told the story of how much, roughly, it costs curto cafe to offer a single and a double esspresso, how much a capuchino might be, and so on. The picture was to share with friends.

Next time at the cafe, I noticed someone taking the same kind of picture. Why? My brother, they said, in Netal, is considering to open a cafe – I think this way of pricing is great!

Perhaps you have been to Netal? Perhaps that cafe is operating there now?

Back to memories from Curto cafe? Recall the single farm? Well.. Which ever coffee you might fancy, a long black, mocca, and so on – the barista will present the beans on a sliding scale based on how they were roasted. From light through to dark, 6 shades of roastiness. Which would you like?

http://search.disroot.org/?q=Curto%20Caf%C3%A9%2C%20rio&categories=general&language=en-US

 
Read more...

from Kirstin Bernstrom

Converting Email data from one format to another is no joke. This is something that anyone who has been using emails and has the need to move data from one account to another can tell you. But nobody can tell the best way to go about this conversion process.

This article introduces you to the best way to go about email conversion and MBOX to PST Conversion in particular.

MBOX to PST Conversion: The insights

Email conversion has been around for some time. Anybody who uses more than one account and has a need of transferring data from one format to another knows how hard is to transfer data from one account to another. It is where MBOX to PST Conversion comes into play or any other conversion for that matter.

mbox to pst conversion

Mail Extractor Pro converts MBOX, Thunderbird, Postbox and Apple Mail to PST for Microsoft Outlook.

But the thing is that process of MBOX to PST Conversion is hard and involves data. Anything going wrong will drastically affect your data. So, you need to be very careful while going through your MBOX to PST Conversion.

Third-party converters are the software tools that help you out with it. These are the modern-day tools backed up by technology. And the best one among them is USL Software’s Mail Extractor Pro.

The tool offers you everything that is needed to have a world class MBOX to PST Conversion.

These features include:

Accuracy that makes your MBOX to PST Conversion flawless Conversion accuracy can be a deciding factor when it comes to choosing the right converter tool for your need. And with Mail Extractor Pro offers you the best in class accuracy. The accuracy of the tool makes it possible to convert everything coming its way.

Each bit of data present in the input file is converted and stored in its original form by the tool. This helps in retaining the authenticity of the data present in the input file.

The output file produced becomes a copy of the input file as the tool can also convert the complex Unicode data as well. Unicode comprises of the non-English part of the data and sometimes becomes hard to convert. But not for Mail Extractor Pro.

The tool converts all the Unicode data present in the input file in the file making your process of MBOX to PST Conversion a complete one.

The quicker your MBOX to PST Conversion the more time you have for yourself

Email conversion sometimes can be a torture to sit through. But don’t worry. With Mail Extractor Pro you won’t have to face that problem anymore. The tool speeds up the MBOX to PST Conversion process by using technique of Bulk Conversion.

Mass Conversion permits you to select all the files that you want to convert and after that transform those all in a single do without fail, thus, quickening the conversion procedure.

 
Read more...

from a-small-medic

Kinda impressed with myself that I just asked myself, “Is there anything that needs to be taken care of tonight, or can it wait til tomorrow?”

I do not need to work into the wee hours. I can go to sleep now with peace of mind.

I'm learning, I'm learning...

 
Read more...