Wordsmith

Reader

Read the latest posts from Wordsmith.

from Storia minuta

La malaria nel Ponente Ligure del Settecento

L’impaludamento dei porti canale sul Nervia e sul Roia, il proliferare di canneti selvatici, come nell’area di Bordighera (IM), ma anche alle foci di Nervia e Roia – specie nel sito dei “Paschei”, area dell’attuale casa comunale di Ventimiglia (IM) –, l’ignoranza delle tecniche romane sulle arginature di acque fluviali avevano determinato, già a partire dall’Alto Medio Evo, la riproduzione della zanzara anofele nell’estremo ponente dell’attuale provincia di Imperia.

Sia la malaria maligna (terzana continua) che la benigna (duplicis o triplicis) vennero citate fra le cause di morte, anche se a volte si alluse solo ad “inspiegabili febbri”: le comunità non furono tuttavia molto spaventate da questo pericolo, anche se le norme pubbliche ribadivano l’utilità di canalizzare le acque e prosciugare i luoghi paludosi.

In merito a ciò può esser utile citare una Lettera di Ser Teofrasto Mastigoforo a Filippo Buttari da Osimo scritta nell’anno 1744, in cui si legge a giudizio dell’areale intemelio (quello qui preso in esame): “l’aria è pestilenziale, e non può esser di più. Se è non mi crede, vada a guardar solo in viso i grami abitatori, e si chiarirà nel suo dubbio che lo fa manifesto il lor colore che pare cera gialla di candele” quindi “è giuocoforza di soggiornare in Villa per isfuggire l’aria nocivissima e pestilenziale di Ventimiglia”.

Tale considerazione induce a valutare una lettera, scoperta e studiata da Antonio Martino di Savona, del notaio originario di Sassello (SV) Gio.Batta Gavotti, operante nel 1750 la sua attività a Ventimiglia (ufficio nel quartiere dell’Oliveto), quindi a Bussana e a Taggia (ufficio nel quartiere Pantano); l’8 novembre 1750 morì sua moglie ed egli annotò: “è passata da questa all’altra vita la detta mia consorte con aver prima sofferta una malattia cronica dalla metà circa d’agosto fino al giorno della sua morte ed il di lei cadavere si è sepellito nella chiesa de RR.PP. della Annunziata fuori di Ventimiglia. Fin dalli primi giorni di sua malattia che si trovò con grave pericolo fece atti dal Not. Simone Maria Muraglia nel luogo di Bordighera, dove si trovammo a caso di cambiare aria, nel quale fece legato a mio favore delle lire 300”.

Interpretando l’espressione “cambiare aria”, il Martino pensò proprio ad una forma di malaria (altresì connessa al fatto che pure tutti i figli del notaio, che videro la luce in Ventimiglia, morirono in età infantile).

 
Continua...

from Adriano Maini

Jean-Claude Izzo

Azzardo un certo collegamento di interesse tra la zona della provincia di Imperia di confine con la Francia e Marsiglia, dove sono ambientati i romanzi di Izzo, innanzitutto in certe affinità paesaggistiche e geografiche.

Mi appare interessante anche l'uomo Izzo (morto prematuramente dieci anni fa) che, impegnato sul fronte sociale ed antirazzista, trasfigurava i suoi valori in cupe storie noir (anche di plot un po' esagerato a mio avviso), non certo ben rese nella versione televisiva (o, forse, sono dei film) con Alain Delon.

Di sicuro nelle sue opere questa Marsiglia e dintorni, non molto lontani da questa riviera, assumono contorni quasi magici: si sentono l'odore del mare, i profumi dei fiori e delle erbe mediterranei, i sapori di cibi cosmopoliti.

E si palpita per personaggi che sembrano usciti da una canzone di Francesco De Gregori, nel contempo in cui certi “cattivi” sembrano (almeno a me) un po' esagerati, anche se fanno rinviare con il pensiero alle tante trame criminali realmente esistenti di qua e di là della frontiera.

 
Continua...

from Copyleft Curator

The Creative Commons Musician

With a blog like this, it's important to find a solid work to start off on. After all, first impressions matter, and in order to encourage more people to explore the creative side of the FediVerse, you have to demonstrate what is possible. Music is fantastic in this regard as even a few minutes can densely pack in so much meaning and effort. So when I noticed Uwe Hermann's channel on PeerTube, my interest was piqued.

And upon further inspection of his content, I was not at all disappointed.

What does uwehermann do?

Typically his videos consist of recordings of multiple percussion instruments being laid out in a tile-like fashion (see below) edited to form a full song. Songs covered range from standard grooves to full remixes of songs in the Creative Commons. uwehermann_video

Tomat0's Thoughts

  • The content does fit on PeerTube; while one could argue that music would be a better fit on FunkWhale, the video component itself does actually contribute to the impact of the work as a whole. Hermann is able to use a wide array of live instruments and by showcasing them through the video, not only does he distinguish his work from purely digital music, but also breaks down the process in a fashion that potential viewers could be inspired.
  • The choice to remix Creative Commons songs exclusively is a bold one, but also a very admirable one. By promoting music available to the public and redistributing his own work under a CC Share-Alike license, the derivability is clearly demonstrated in a fashion that benefits the Free Culture movement as a whole.
  • His video descriptions are comprehensive, naming all the instruments he uses and also providing complete credit to all work utilized.

Interview with Creator:

1. What does your video creation process look like?

I generally record 1080p/60fps videos using a smartphone, with a Zoom H5 used as USB “soundcard”. Most of my editing is done on Linux using open-source software: e.g. Audacity for audio editing, Ardour for multi-track audio arrangement, and Kdenlive for video editing. As for the process in general, I usually start by playing around with various instruments until I find a nice set of patterns or rhythms I want to base the song on. Then I quickly record a draft version (audio only) of the patterns and try to make a rough audio arrangement in Ardour until I'm happy with the overall song and every individual track (4-12 usually) and how they fit together with the other tracks. The most time-consuming step is then actually recording the final version of the video (and at the same time audio) tracks. This usually requires quite a few “takes” to get a good run where video/lighting is OK, where audio quality is OK, where I'm actually playing the instruments with a usable timing and without errors etc. The process repeats for every single track/video of the song. I usually have a “click track” on a headphone while I'm playing each instrument, so that the timing between the different tracks is correct; I also add small hints to the “click track” for when I need to pause or change patterns for the respective instrument. After all videos are recorded I extract the audio tracks to individual WAV files, arrange and mix those in Ardour, and export the result as the final audio version. Similarly, all video tracks are arranged in Kdenlive. Intro, outro, transitions etc. are added as video effects, and the final audio file from Ardour is used here. When all is done, the resulting final video is rendered, which usually takes an hour or two, depending on how many tracks there are.

2. Are there any videos you wish you could do-over or regret making?

Not really. The first video is arguably the least “professional” one I made, but it was OK as a quick test of both the instrument (which I received on the same day I made the video) and the video editing process in general. I improved my video/audio/editing/timing/musical processes quite a bit for the next few videos (though it's all still far from perfect, of course; I'm not a professional musician, just a random dude on the Internet doing this in my spare time, just for fun).

3. What would be some advice to people who are interested in making content similar to yours?

Give it a go! It's a lot of fun to make your own little arrangements or songs, or to remix other (Creative Commons licensed) songs. You don't really necessarily need a lot of equipment or expensive software (a smartphone and some open-source software will do just fine). You don't even need to own or be able to play any instruments really, you can easily just arrange songs or remixes in Ardour by using other Creative Commons licensed audio files, e.g. from ccmixter.org or freesound.org or the like.

In addition to the featured channel, uwehermann can also be found on Mastodon, FunkWhale, and PixelFed.

 
Read more...

from Kodiak

Return

It all started with a suggestion A simple request, and a brief intermission The feeling was mutual, the atmosphere casual The expansiveness of the sky that day, notable It was just a tease, the idea to think of bumblebees whenever meeting someone new No one thought at the time about cupcakes, let alone about starting an open air cupcake factory although there may have been a tacit connection, still and all, all intentions were essentially pure of intention And we were entirely in agreement It wasn’t until that first bumblebee kiss, as coincidental as the impulse to lean over and kiss an almost total stranger We were well met, and yet a kiss is a kiss And a bumblebee kiss on a dimly lit roofscape Well, it’s pregnable As fondness overcame refractory desire The kiss that bore cupcakes benighted bellicose designs

The honey bore jacinta scented flour The cracks in the concrete yielded soporific elegies The gentle, firm rotation of the belt drive mixer The whir of persistent motion and love bumbled us back to another cupcake kiss

 
Read more...

from Kodiak

Chromatic

The wind blows hot and fast across the asphalt Breathing hard, we wait The deep black leather seats Anticipation Stereoscopic chromatic Ebony and chrome and steam The low rumble of the engine and the smooth, orange flame I depress the pedal, and we move Fast and low, burning and sliding around the turn The belt tightens

 
Read more...

from Storia minuta

Il ferimento del comandante partigiano “Leo”

Nell’agosto del 1944 gli alleati sbarcarono a St. Raphael vicino a Marsiglia. A sbarco consolidato, l’avanzata alleata si divise su due direttrici, la prima verso Marsiglia, composta principalmente dall’Armée d’Afrique francese; la seconda verso la Costa Azzurra e il confine italiano. Sulla riva destra del Var, prima di entrare in Nizza, l’avanzata si arrestò non per opposizione delle forze tedesche ma per scelta del comando alleato. La resistenza francese della Costa Azzurra insorse spontaneamente, quasi costringendo gli alleati a liberare Nizza e a proseguire fino a Mentone, che venne liberata ai primi di settembre 1944 riportando i confini all’anteguerra.

A Gattières, sopra Nizza, fu installata una scuola per l’addestramento di sabotatori, alla quale parteciparono diversi partigiani italiani; a Mentone vennero installate delle piccionaie di colombi viaggiatori che venivano impiegati nelle operazioni di spionaggio oltre le linee. Le “agenzie” di intelligence alleate (francesi, inglesi e americane) iniziarono a lavorare più in concorrenza fra loro che in collaborazione. Il nostro CLN assisteva con timore a queste azioni in “concorrenza”, perché mettevano in pericolo tutta l’organizzazione. … Il maresciallo Reiter fece accompagnare da due agenti in borghese la staffetta Irene (in questa versione dei fatti la persona, costretta dai nazisti a fare da esca per attirare in trappola i due partigiani) verso la casa di Vallecrosia, dove “Leo” e “Rosina”, ignari, aspettavano il ritorno di chi li aveva traditi. … “Leo” restò gravemente ferito. Ma anche i due agenti nemici versarono in fin di vita. “Leo” e “Rosina” fuggirono per vie diverse eludendo anche il successivo rastrellamento tedesco. “Leo” trovò rifugio nella clinica Moro sulla via Romana, dove venne medicato ma non ricoverato. Il partigiano Lotti, probabilmente avvisato da “Rosina”, o non so come, avvisò il nostro CLN di Bordighera che “un agente americano” era stato ferito e si trovava alla clinica Moro. Insieme a Renzo Biancheri “U Longu”, prelevammo “Leo” dalla Clinica Moro [n.d.r.: che era stata trasferita dal 2 gennaio 1944 a Villa Poggio Ponente di Vallecrosia] e lo portammo all’ospedale di Bordighera. Riuscimmo a ricoverarlo con un tragico stratagemma.

Per i ricoveri con ferita i medici dovevano dichiarare se la ferita era stata causata da scheggia di bomba o da colpo d’arma da fuoco. All’ospedale “Leo” venne curato da due medici che conoscevo bene, il dr. Giribaldi e il dr. Gabetti, e assistito dalla caposala, infermiera Eva Pasini. Il dr. Gabetti mi disse che difficilmente “Leo” sarebbe sopravvissuto e che quindi conveniva ricoverarlo come “ferito da colpo d’arma da fuoco” e non rischiare la vita quando la polizia fascista avesse preso conoscenza del referto. Così fu fatto: “Leo” fu ricoverato e gli vennero prestate le prime cure. ….

Renzo “Stienca” Rossi in GRUPPO SBARCHI VALLECROSIA < ed. Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia – Comune di Vallecrosia (IM) – Provincia di Imperia – Associazione Culturale “Il Ponte” di Vallecrosia (IM) > di Giuseppe Mac Fiorucci

 
Continua...

from Adriano Maini

Un modesto excursus

Sussiste un'immediata profondità del nostro mare, qui, nell'estremo ponente di Liguria, la stessa che, come mi spiegò una volta un amico di famiglia, nel mentre si faceva tornare alla memoria i viaggi sotto costa (negli anni '30 del secolo scorso) del piroscafo Rex, dovrebbe generare il fenomeno delle improvvise ed impreviste ondate che talora sconquassano litorale e passeggiata.

Subito mi venne in mente che, nel pur breve tratto che va da Capo Ampelio di Bordighera (IM) a Cap Martin già in Costa Azzurra, tale caratteristica trova significative eccezioni, rappresentate da inconsueti, di solito rocciosi, rialzi del fondale, al massimo a pelo d'acqua, teatri a volte per i conoscitori degli arcani di cospicue pescate di luassi (i branzini, in madre lingua) e di altre pregiate specie, e muti testimoni di relitti misteriosi ed antichi, spesso piratescamente trafugati: echi di storie, anche un po' leggendarie, che nel mio ricordo si uniscono ad altre storie, talora approdate a dignità letterarie, storie sentite in pregresse situazioni, di cui alcuni affabulatori e testimoni non sono più.

Senonché, alcuni di questi ultimi personaggi, insieme ad episodi dell'ultimo conflitto mondiale, che rimandano comunque al mare, quali la galleria dell'Arziglia (sempre in Bordighera) ad est trasformata in rifugio antiaereo e la morte della madre dell'autore per via di mitragliamento, da parte di un velivolo alleato, di innocenti civili (ignominia della guerra) sulla spiaggia di Latte a ponente di Ventimiglia, tornano insieme ad altri in un'opera dell'amico Carlo, che definire di personali memorie del periodo bellico e post-bellico sarebbe riduttivo: per chi é nato e cresciuto da queste parti si tratta di un incisivo contributo alla verifica quantomeno delle proprie radici civili e sociali.

Carlo è la persona che mi venne a cercare quel 12 dicembre 1969 per farmi unire a quel vigile moto di dignitosa e combattiva protesta che si stava levando nel Paese per difendere la democrazia repubblicana dai pericoli insiti nel vile attentato terrostico di quel giorno alla Banca dell'Agricoltura in Piazza Fontana a Milano.

 
Continua...

from Goblin Thoughts

It's always hard coming to the end of a book series.

Even though this was only a duology and, thus, hasn't taken up the space in my life that certain longer series have in the past (Chronicles of the Necromancer springs to mind), Karen Miller's “Kingmaker, Kingbreaker” series is one I'm having trouble saying good-bye to this evening.

I bought both books, “The Innocent Mage” and “The Awakened Mage,” about 4 years ago (that can't be right, can it? Christ I'm getting old...) and absolutely devoured the first book. The characters were so well-realized, the politicking was -just- prominent enough to be interesting without turning into “A Song of Ice and Fire,” the magic, oh! the magic! Steeped in mystery, clearly following rules, but never quite reaching a point where those rules all made sense. If there's one thing Miller knows how to do, it's give the reader just enough information to be DYING for more while never oversharing and ruining that desire. I couldn't tell you how long it took me to read Book 1, but it can't have been long; a few weeks maybe. I jumped right into Book 2 as soon as I was finished (I doubt I even took a break before cracking it open, honestly) and then...put it down.

I have no memory of why I stopped reading Book 2. My current theory is that I literally put the book down one day and just never picked it back up. Not out of disinterest or malice or anything of the sort, but I was in school and homework and socializing and the ill-advised relationship I had found myself in at the time likely took over. Eventually I started to think that there must have been SOME reason why I stopped reading; maybe Book 2 was actually really bad and I had given up in disgust. The mind is funny in the connections it will convince itself of with literally no basis in fact. And so the books sat on my shelf for years and years, moving across the country to sit on a different shelf in a new state, slowly collecting dust until a few months ago when I said to myself “You know what? It's time to give that series another shot!”

And now here I am, finally on the other side of a series I started reading so long ago it might as well have been another lifetime. In terms of reading time, these books are easily dwarfed by other series I've read, but in terms of total elapsed calendar time, these 2 700-page novels are far and away THE longest I've spent getting from one side to another of a book series.

In a way, another tie to that part of my life is now severed.

 
Read more...

from Le Divigations d'Hazel

Je n'aime pas les pommes, Ils sont trop sucrés pour moi.

Je veux autre chose, quelque chose d'aigre, quelqu'un a du mordant, quelqu'un de salé, quelqu'un comme toi.

 
Read more...

from Le Divigations d'Hazel

Je ne suis pas une personne extraordinaire, Mais une horloge cassée, Répétant un cycle d’horreur, Avancer vers une lumière satisfaite, Mais les mains d'horloge heurtée, Tirant moi à la profondeur noire.

Parfois, je veux détruire les mains d'horloge, Finir la cycle toujours.

 
Read more...

from Storia minuta

Mantegazza, igienista ante-litteram

Paolo Mantegazza (Monza, 1831 – San Terenzo di Lerici [La Spezia], 1910) si laureò in Medicina e fu patologo, antropologo, igienista, enciclopedista e politico. Straordinariamente avido di conoscenza e assolutamente ispirato ai dettami del positivismo, maturò la convinzione che il popolo dovesse usufruire delle recenti scoperte scientifiche.

Ciò lo rese attivo per quasi tutta la vita come autore di numerosi volumi a carattere divulgativo e letterario, oltreché di libri di viaggi.

Dopo la laurea intraprese un lungo viaggio in Europa e nel Sudamerica. Nel 1858 rientrò con la famiglia in patria e nel 1860 fu nominato Professore di Patologia all’Università di Pavia, dove si era laureato e dove fondò, primo in Europa, un laboratorio di patologia sperimentale.

Nel contesto della divulgazione fu un antesignano di temi abbastanza nuovi connessi alla Fisiologia ed alla riscoperta dell’essenzialità dell’Igiene. In particolare redasse e editò opere innovative collegate alla proposizione di salutari NORME IGIENICHE. Che dimensionò praticamente nell’organizzato sistema delle STRUTTURE POLIVALENTI PER I BAGNI MARINI, organizzate secondo il recupero dell’ancestrale idea nordica del KURSAAL (o SALA DELLE CURE), finalizzate al basilare assioma del vivere sano in tutti gli aspetti della vita domestica e lavorativa. Anche per il fatto che, pionieristicamente, affrontò il tema dell’educazione sessuale e del controllo delle nascite, vide condannare dalla Chiesa romana molte delle sue pubblicazioni, che vennero ascritte al pur sempre meno ascoltato Index Librorum prohibitorum.

Dal 1870 occupò la prima cattedra italiana di Antropologia a Firenze: qui creò la Società Italiana di Antropologia e un Museo antropologico-etnografico.

Nel 1865 venne eletto Deputato al novello Parlamento e nel 1876 Senatore. Anche come politico si impegnò in campo igienico-sanitario e oltre a far parte del Consiglio Superiore di Sanità collaborò a varie Accademie e Istituti Scientifici in Italia e all’Estero.

 
Continua...

from Adriano Maini

Cartoline dalla Norvegia

Qualche anno fa, incontrato (o, meglio, ripresentato) mentre era con un comune amico di Ventimiglia (IM) alla ormai scomparsa, causa spostamento a monte della linea ferrata, stazione di Oneglia, Aldo mi disse che ci eravamo conosciuti da giovani a Cipressa (IM): il sottoscritto, solito smemorato, non l'aveva in quel momento ancora messo a fuoco. Forse il primo impatto lo avevamo avuto a San Lorenzo al Mare, paese a levante, ai piedi della collina della Cipressa. Suonava, infatti, da giovane in un'orchestrina. Probabile che ci vedessimo e frequentassimo in quel periodo in entrambe le località. In occasione, di sicuro, di Feste de l'Unità. Ho visto spesso in seguito Aldo, uomo di grande simpatia, anche perché lavorava dalle mie parti. Mi aveva pure procurato cartine della Norvegia. Per dire della sua gentilezza. Ed almeno in un'occasione mi diede un passaggio in auto per attraversare Imperia: quando si dice il caso! Io, invece, una volta lo portai sotto una pioggia torrenziale da Bordighera al capoluogo, dove mi stavo recando per motivi familiari. Aldo avrebbe preferito tornarsene in treno. La mia guida in autostrada sotto quelle intemperie lo fece vieppù rimpiangere (credo!) di avere accettato il mio invito. Io, però, lo accompagnai quasi sin sotto casa. Gli accennai due o tre volte all'episodio, ma fu così gentile da darmi sempre risposte evasive e sfumate. Poi ci perdemmo di vista, perché cambiò lavoro o andò anche lui in pensione. Non avevamo mai pensato di scambiarci i numeri di telefono. Tanto ci si vedeva quasi tutti i giorni, mentre arrancava a piedi da Vallecrosia, dove aveva sede professionale, a Bordighera, o viceversa. Il mattino lo trascorreva in uffici ad Imperia. Mi mancano alquanto i suoi comici indovinelli, di cui avrà di sicuro ancora un'inesauribile scorta.

 
Continua...

from Habel In Space

###INCOMING TRANSMISSION### SOURCE: TWILIGHT_STAR-E03 AUTHOR: SILODDER_AR TITLE: ORANGES DATE: 2478-03-15T14:17 DATE_LOCAL: 2319-05-14T06:14

---BEGIN MESSAGE--- What the hell are these blood oranges for? We're being payed many many times over the typical rates for transportation of similar fruits, which is quite odd as inspection didn't determine them to be anything but ordinary blood oranges, which we are even carrying a few of with the rest of the fruits. Ordinarily there wouldn't be much concern, however several of the crew have reported strange feelings when near the oranges. We have for now simply moved them to a more secluded section of the cargo bay and are keeping a closer watch on them and anyone going near them. ---END MESSAGE---

 
Read more...

from Le Divigations d'Hazel

Si tout je peux faire est espoir Pour réveillais-je avec un stable esprit, Comment peux-je planifier mes jours? Qu'est-ce qu'espoir-je accomplir?

Je suis emprisonné dans un cycle sans fin. Mais je peux peut-être casser il puis prospérait. C'est ce que j'espoir pour.

 
Read more...